sabato, 28 novembre 2015

Le Rose Italiane – una storia di passione e bellezza dall’800 a oggi

Le Rose Italiane“Le Rose Italiane” una storia di passione e bellezza dall’800 a oggi. Autore: Andrew Hornung – Prefazione: Charles Quest-Ritson – Edizioni Pendragon.

Leggi il resto di questo articolo…

sabato, 7 novembre 2015

Nel giardino di Clara e Sandro

Carissimi,

la giornata è stata veramente magnifica nonostante qualche piccolo scroscio di pioggia che non ha minimamente guastato l’atmosfera gioiosa e rilassante del giardino di Clara e Sandro.

Gli ottimi padroni di casa ci hanno coccolato affettuosamente e sono stati premurosi nell’accogliere i vari soci che via via arrivavano carichi di piante e cibarie.

Il loro giardino, che Clara gelosamente custodisce, è accogliente e riservato, da scoprire la quiete che emana grazie anche al fiume che scorre accarezzando questo angolo di Paradiso. Ogni tanto qualche germano reale sale dal fiume a cercare il granoturco che Clara e Sandro non fanno mai mancare loro contriuendo con la loro presenza a rendere magico questo giardino.

Ringraziandoli di cuore inviamo qualche foto della festa nel loro giardino

nel giardino di Clara

un angolo del giardino di Clara

Alcuni commenti

Lo scambio di piante e fiori è stato un successo,,circa 40 partecipanti tutti entusiasti, sono venuti un po’ a scaglioni, chi la mattina, chi al pomeriggio, bene la scelta di domenica, molti al sabato hanno impegni. Tutti avevano messo etichette, foto con nome, muniti di borse, come arrivavano le piante venivano subito prese e portate via. Il tempo è stato clemente. Clara e Sandro erano organizzatissimi. Luisa

È stata proprio una bella giornata quella trascorsa oggi a casa di Clara Zanin e consorte. Magico il luogo, un giardino ricco di piante e bordure in riva ad un fiume, bello l’allestimento per lo scambio di piante, talee e semi. Si è visto di tutto, dalle piante grasse alle perenni, dagli arbusti alle graminacee ai rampicanti. In un festoso brulicare di giardinieri curiosi la giornata si è svolta all’insegna del divertimento e della condivisione della comune passione. Interessante anche la qualità e varietà di semi di fiori messi a disposizione. Scambi non solo di piante ma anche di idee, chiacchiere tra amici, progetti e… grandi mangiate come al solito!! Grazie ancora ai padroni di casa e al circolo per questa bella domenica! Paola

Grazie a te Clara, per averci donato questa bellissima opportunità così particolare. Un’occasione di incontro un po’ speciale con tante sorprese/curiosità floreali, buon cibo e piacevolissima compagnia. Grazie ancora e …a presto! Maria stellina

Grazie Clara per l’ospitalità. E’ sempre un piacere ritrovarsi con amici a condividere la passione per il giardino. Ogni incontro è una bella festa. Grazie anche a tuo marito che silenziosamente (ma non ci è sfuggito) ha lavorato per non farci mancare nulla e brava anche ad Emanuela, valido aiuto in cucina. Ciao e alla prossima Bruna

Carissimi, ringrazio tutti per la bella giornata passata assieme. L’entusiasmo, la passione e la gioia della condivisione sono stati gli ingredienti di questa bellissima giornata. Tante piante, tanto cibo, tutto puntualmente “spazzolato” con grande soddisfazione. Un grazie particolare a Manuela che ha gestito la zona cucina in modo perfetto. Grazie ancora, a presto Clara

lunedì, 22 giugno 2015

Giardinieri all’isola di Barbana

IMG_3496Dal 2010  è iniziata un’opera di volontariato, da parte di alcuni nostri soci, per il ripristino del giardino del Santuario dell’isola di Barbana, situato all’interno all’area dedicata agli esercizi spirituali. Sono stati fatti anche altri interventi di piantumazioni e recupero di aiuole in vari punti dell’isola.

Leggi il resto di questo articolo…

domenica, 1 febbraio 2015

La Perle

Nei primi anni del 1900 fecero la loro comparsa quelle splendide rose rampicanti derivate da incroci R. wichurana o R. luciae. Una grande famiglia di ibridatori che introdusse un gran numero di queste magnifiche rose fu quella dei Barbier, di Orleans in Francia. Rose come ‘Alberic Barbier‘, ‘Paul Transon‘, ‘Alexandre Girault‘ solo per citarne alcune tra le più famose e diffuse in molti giardini. Nello stesso periodo, un’altro ibridatore “W.A. Manda” di New Jersey, negli Stati Uniti, sempre ibridando la R. wichurana otteneva le splendide ‘May Queen‘, ‘Gardenia‘ e ‘Jersey Beauty‘.
Leggi il resto di questo articolo…

lunedì, 1 dicembre 2014

99 anni di rose Té, Cinesi e Noisette di Walter Branchi

99 anni di rose di Walter BranchiWalter Branchi, 99 anni di rose Té, Cinesi e Noisette (1825 – 1924) prefazione Helga Brichet (ex Presidente della World Federation Rose Societies) introduzione di Walter Branchi, La Treggia Edizioni – 2014, pp 255.
Leggi il resto di questo articolo…

mercoledì, 12 novembre 2014

Ipomee

Sull’esempio delle clematis, che possono fiorire assieme alle rose rampicanti durante l’estate, impiego le ipomee che sfruttano i rami delle rose per salire ed ammantare così, con le loro foglie ed i fiori, arbusti che in questo periodo apparirebbero spogli e malinconici

Leggi il resto di questo articolo…

martedì, 2 settembre 2014

La mente dell’ape di Giorgio Celli

G. Celli La mente dell’ape considerazioni tra etologia e filosofia introduzione di Raffaele Cirone, ED. Compositori collana Quadrifoglio, prima edizione marzo 2008, pp 101.

Giorgio Celli (1935-2011), studioso e scienziato, scomparso qualche anno fa, fu appassionato entomologo e botanico, durante la sua vita fu divulgatore scientifico e la sua attività spaziò fra la produzione saggistica e televisiva sul mondo degli animali. Al suo lavoro scientifico affiancò anche attività letterarie nel campo del teatro e dell’arte ottenendo prestigiosi riconoscimenti come il premio Luigi Pirandello.

Leggi il resto di questo articolo…

sabato, 23 agosto 2014

E. Veyrat Hermanos

Il tramonto e la sua rosa

Ci sono alcune rose che mi piace definire “impossibili”, vuoi per la loro rarità, per la difficoltà della loro coltivazione ma specialmente per il colore dei loro fiori, complessi e opulenti. E’ nel gruppo delle vecchie rose Tea che si possono incontrare varietà con queste caratteristiche. Ricordo di aver letto su uno dei tanti libri che parlano di rose, il commento di un esperto appassionato del secolo scorso, dove riteneva che le Tea fossero assolutamente splendide perchè uniche ad avere in dono i colori del cielo all’alba e al tramonto.

Leggi il resto di questo articolo…

giovedì, 26 giugno 2014

Le prime rose dell’estate

Spesso, in riviste e libri che parlano di giardinaggio, vengono messe in evidenza le rose che hanno la fioritura precoce, forse perché alla fine dell’inverno c’è una grande voglia di colore, di fiori e di profumi e le rose non possono mancare tra le primizie primaverili.
Leggi il resto di questo articolo…

martedì, 5 novembre 2013

Verde Brillante

Conferenza di Stefano Mancuso in occasione della presentazione del suo libro “Verde Brillante”
Leggi il resto di questo articolo…

lunedì, 7 ottobre 2013

Il curriculum verde del giardino “Rosa Mundi” di Romeo e Liviana

E’ un pomeriggio di fine estate, cammino nel giardino che si stà accendendo delle tonalità dorate del tramonto e dei colori di fiamma dell’imminente autunno. In questo scenario si aprono qua e là gli ultimi fiori delle rose dai colori resi più vivi dal clima fresco.

Era il 1995 quando cominciammo, durante l’inverno, io e mia moglie a mettere i picchetti per definire dove piantare i primi alberi che lentamente avrebbero arricchito il terreno con il compostaggio delle loro foglie e ottenuto un equilibrio del suolo con le simbiosi micotiche e le consociazioni fra le piante, volevamo trasformare un terreno di quasi tremila mt quadrati, dove per anni si era coltivato solo mais, quindi un suolo impoverito da coltivazioni intensive, concimi chimici e applicazioni di deleteri diserbanti. Successivamente venne individuata l’area per l’orto e per la sua bordura perimetrale vennero piantate delle rose. Seguirono i primi impianti di giovani alberi da fiore e da frutti e anche querce e noci, seguì lo spostamento di un gruppo di rose che mi avevano lasciato i miei vecchi. I rosai apprezzarono molto l’essere inseriti in terreno nuovo e grazie a un po’ di concime e qualche cura in più, già dal primo anno, ci offrirono generose fioriture. L’inserimento in terreno nuovo portò una seconda giovinezza a quelle rose, allora piuttosto dimesse e malaticce.

Leggi il resto di questo articolo…

sabato, 14 settembre 2013

Terre del vino: In Nome della Rosa, Cormons – 8 settembre 2013

Questo é l’articolo pubblicato sul periodico “Terre del Vino” che parla del convegno In Nome della Rosa, svoltosi con grande successo di pubblico, a Cormons l’8 settembre 2013.
Leggi il resto di questo articolo…

mercoledì, 4 settembre 2013

In Nome della Rosa: convegno a Cormons – 8 settembre 2013

Il progetto “La Rosa e l’Uva” che stava per essere messo nel dimenticatoio, inaspettatamente ha prodotto dei risultati interessanti.

A Cormons, questa idea di “Amici in Giardino” prenderà forma grazie ad un evento studiato appositamente durante il quale terrò una conferenza sul tema “La rosa e l’uva. Alleate da millenni”.
Leggi il resto di questo articolo…

domenica, 4 agosto 2013

La Piralide del bosso

piralide del bossoDi questo parassita del bosso avevo già letto qualche articolo su riviste specializzate, capace di distruggere intere siepi di questa pianta, di trasformare in fantasmi opere d’arte topiaria costate anni di cure. Sto parlando di Diaphania perspectalis (Cydalima perspectalis), più comunemente conosciuta come ‘ Piralide del bosso‘.
Leggi il resto di questo articolo…
sabato, 29 giugno 2013

Roseto San Giovanni Trieste

Intervento di potatura verde nel roseto di San Giovanni

Sabato 22 giugno, un gruppetto di soci di “Amici in Giardino” si è dato appuntamento al Roseto di San Giovanni  a Trieste, con l’intento di dare un contributo, benché modesto, alla potatura di pulizia dei rosai rifiorenti. Questo tipo di intervento si differenzia da quello di fine inverno per il taglio delle infiorescenze appassite, il leggero accorciamento dei germogli ciechi, l’eliminazione dei rami secchi e l’asportazione di eventuali succhioni del portainnesto. Sinteticamente è quella che viene definita “potatura verde”, serve per favorire una migliore rifiorenza e a limitare la diffusione di muffe che sarebbe facilitata dalla presenza dei fiori marcescenti.
Leggi il resto di questo articolo…


Attenzione

Nuova sede per le riunioni

ORATORIO SAN FANCESCO, Contrada Garibaldi, 7

dove siamo