venerdì, 22 luglio 2011

Cerambyx

Le recenti immagini di un grande insetto scattate da Teresa nel suo giardino mi hanno spinto a far conoscere un pò di più certi particolari che riguardano il gruppo dei cerambidi.

E’ uno dei più grossi insetti che si possano incontrare nei nostri boschi. Cerambix cerdo è specifico delle querce, dove le sue larve si sviluppano nel legno già morto o comunque indebolito da altri patogeni. L’adulto può arrivare a 5 cm di lunghezza senza le antenne. La sua presenza rivela un ambiente ancora naturale.

Nell’estate 2009 ho fotografato nel mio giardino Cerambyx velutinus welensii, si tratta di un’altra specie di cerambide la cui larva si sviluppa nei salici usati per il vimini (venchi) che una volta erano coltivati per l’utilizzo dei lunghi getti come legacci per i tralci delle viti. Oggi non esistono più i lunghi filari di questi salici di conseguenza è venuto a mancare l’habitat di questo splendido insetto dalle elitre di color iridescente quasi metalizzato. Questi due insetti se catturati possono emettere suoni striduli sorprendenti. Alla famiglia dei cerambicidi appartiene una specie sudamericana, il Titanus giganteus lungo fino a 16 cm, e considerato, per la massa corporea, il più grande insetto del mondo. Se vi capita di incontrarli, fotografateli e non disturbateli.




Lascia un commento

Devi effettuare il Login per scrivere un commento.



Attenzione

Nuova sede per le riunioni

ORATORIO SAN FANCESCO, Contrada Garibaldi, 7

dove siamo