domenica, 30 ottobre 2011

I giardini sul lago di Como

Consigliati dalla responsabile Grandi Giardini Italiani la nostra prima tappa verso i giardini in provincia di Como è stato Il Balbiano.
Purtroppo alle numerose telefonate da noi fatte nessuno rispose per cui ci siamo presentati tardi e inattesi. La vista dal cancello dello spetttacolo di quella parte del giardino è stata tanto stravolgente per eleganza e bellezza che abbiamo osato suonare. Dopo un pò mentre la “disperazione” ci attanagliava è venuto in nostro soccorso un omino giovane e gentilissimo, giardiniere fisso di tale paradiso. Le notizie furono funeste e non solo perchè non avremmo potuto accedere a tale delizia, ma soprattutto perchè nessuno più la vedrà in quanto la proprietà dal 10 di ottobre sarebbe caduta in mano a una ventiquattrenne russa che come primo atto aveva già licenziato il capo giardiniere che lavorava lì da 25 anni e il nostro interlocutore giardiniere da 5 al Balbiano.

Chiesto più tardi conferma a un rappresentante del FAI, i timori sono stati confermati. Chi volesse vedere cosa ci perderemo può guardare le foto su ‘Gardenia’ di Settembre 2011 e condividere il nostro disappunto.


Sconsolati e pure un pò innervositi ci siamo diretti verso il giardino della villa del Balbianello, forse una delle più belle ville sul lago di Como.
La proprietà è grandiosa, si raggiunge a piedi attraverso una lunga strada nel bosco che porta alla villa e sulle rive del lago. Dall’alto subito il panorama appare strepitoso esaltato dai giochi architettonici delle piante e dei percorsi che sorprendendoti fra i vedo e non vedo ti lascia senza fiato. Il giardino è costruito su terrazze che scendono fino all’imbarcadero. I sentieri oltre a glicini, azalee, rododendri ciclamini offrono riposo e occasione di meditazione con comode panchine da cui godere panorami pittorici mozzafiato. Quasi da ogni lato domina l’occhio la vista sul padiglione centrale della villa con tre arcate che fuoriescono da lato a lato dominando il lago. Siepi di alloro, bosso, rosmarino completano il senso di ordine alternati alle zone erbose come di rigore per un giardino settecentesco “all’italiana”. la zona così paesaggisticamente intensa e il territorio scosceso con tante rocce emergenti però rendono questo luogo estraneo sostanzialmente a qualsiasi classificazione.
Io ne sono rimasta folgorata per la maestria nella realizzazione, per il mantenimento estremamente difficile date le molte verzure a strapiombo, e per la piacevolezza dei luoghi.

Le foto del giardino della villa del Balbianello


Fuori da questo giardino di incanto abbiamo deciso di andare a vedere il famosissimo giardino di Villa Carlotta verso il quale nutrivo alcune riserve dato la grande pubblicità.
E non avevo torto: essendo un giardino per lo più di alberi possenti e acidofile enormi, ora gli unici colori venivano da annuali che riempivano le, per fortuna, poche aiuole. Colori impossibili: tagetegialli, lantane arancione, begoniette rosse, e geranei edera rossi.
OK Parliamo delle cose belle. “ONDE” enormi di azalee lungo i sentieri (purtroppo resi sicuri da quelle reti di plastica verde che sono un orrore). Alberi altissimi con tronchi inabracciabili per grandezza. Rododendri che per cecare luce si ergono verso l’infinito. E sotto occhieggia il lago. Un tunnel di agrumi con ogni tipo di frutto che pende e profuma. Valloni di felci arboree e non. Camelie come alberi che circondano uno dei “grotto”. Profumo inebriante di Olea fragrans che vedi solo se cerchi verso il cielo. Faggi purpurei, cedri enormi, cipressi, sequoie, platani di grandezza inimmaginabile.
E poi la casa museo veramente molto interessante con una mostra di statue e il piano superiore con arredi e decori dell’epoca. Il giardino dei bambù simil giapponese è un pò “voglio ma non posso” e il museo degli attrezzi agricoli merita una deviazione: altrove!!!

Le foto di villa Carlotta


Spero di avervi invogliato a programmare una visita.




2 Commenti

  • Valeria says:

    lun31ott2011

    Valeria

    lunedì, 31 ottobre 2011

    |

    Grazie per la condivisione, bellissime le foto, interessante i commenti e fantastico il sistema video per vedere le foto, complimenti a tutti per questa super presentazione!
    Valery

  • Romeo says:

    mar1nov2011

    Romeo

    martedì, 1 novembre 2011

    |

    Molto belle le immagini ma particolarmente interessante una delle prime foto di Villa Carlotta in cui si può ammirare un non frequente uso dei crisantemi per dare colore al giardino d’autunno. Da imitare.


Lascia un commento

Devi effettuare il Login per scrivere un commento.



Attenzione

Nuova sede per le riunioni

ORATORIO SAN FANCESCO, Contrada Garibaldi, 7

dove siamo