mercoledì, 15 febbraio 2012

Indicazioni per aiutare gli uccelli a reperire il cibo durante l’inverno

Cari amici,

vi trasmettiamo delle indicazioni per aiutare gli uccelli a reperire il cibo durante l’inverno indicate dalla Lipu

mangiatoia uccelliQuando arriva l’inverno, i numerosi uccelli passeriformi che non migrano in Africa (quelli stanziali o quelli che trascorrono l’inverno provenienti dal Nord Europa) hanno maggiori difficoltà a reperire il cibo che è il loro “carburante” per scaldarsi e sopravvivere.
L’uomo può aiutarli fornendo loro del cibo in apposite mangiatoie coperte e venendo ripagato dalla loro discreta ma bellissima presenza nei giardini e sui davanzali. Il canto di un pettirosso d´inverno o i voli acrobatici delle cince sono dei “regali” enormi per chi sa apprezzarli.
…MA…

Spesso non si sa COSA dargli da mangiare o PEGGIO si improvvisa, fornendo cibi poco adeguati (poco calorici o troppo “umani”).

IMPARIAMO COSA E COME COMPORTARCI

  1. INVERNO: è questo il periodo giusto. Non pretendiamo di nutrirli anche in primavera: in questo periodo gli insetti e i semi tornano ad essere abbondanti ed è giusto che la Natura “faccia da sola”.
  2. QUOTIDIANITA‘: le mangiatoie vanno rifornite regolarmente, senza riempirle con troppo cibo che potrebbe deteriorarsi.
  3. PERICOLI: il cibo va posto in luoghi ben accessibili, senza nascondigli per gatti o predatori. Utile sarà anche un posatoio, tra la mangiatoia e le zone verdi circostanti, necessario per la sosta e il controllo del territorio prima di raggiungere il cibo. Non esporre mai cibo salato o piccante perché può essere tossico per gli uccelli.
  4. PALATI SOFISTICATI: non mangiano tutti solo “briciole”:
    Merlo, pettirosso, capinera e passera scopaiola possono nutrirsi di briciole dolci, biscotti e frutta fresca e qualche pezzetto di formaggio.
    Cinciarella, cinciallegra e picchio muratore gradiscono arachidi non salate, semi di girasole, pinoli sgusciati, frutta secca tritata (noci e nocciole). I semi possono essere impastati con lo strutto e le farine di mais e di frumento. Sono molto valide anche le palline di grasso in vendita nelle agrarie.
    Passeri, fringuello, verdone e cardellino apprezzano miscele di semi vari (miglio, canapa, avena, frumento), semi di girasole, mais spezzato.
  5. ACQUA: una fontanella con acqua corrente sarebbe l´ideale ma diventa sufficiente anche un basso contenitore, tipo sottovaso, da pulire frequentemente e che agevola la rimozione di eventuale ghiaccio.

PER MAGGIORI INFORMAZIONI

  • LIPU, Lega Italiana per la Protezione degli Uccelli – Sezione di Trieste

    sito internet: www.liputrieste.it – email: lipu_trieste@yahoo.it – Fax: 0039 040 9890602
  • Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia

    Direzione centrale risorse rurali, agroalimentari e forestali
    Servizio del Corpo Forestale regionale

    Centro didattico e naturalistico di Basovizza – Basovizza 224 – I – 34149 – Trieste
    Tel: 0039 040 3773677 – Fax: 0039 040 9221098




Lascia un commento

Devi effettuare il Login per scrivere un commento.



Attenzione

Nuova sede per le riunioni

ORATORIO SAN FANCESCO, Contrada Garibaldi, 7

dove siamo