domenica, 1 febbraio 2015

La Perle

Nei primi anni del 1900 fecero la loro comparsa quelle splendide rose rampicanti derivate da incroci R. wichurana o R. luciae. Una grande famiglia di ibridatori che introdusse un gran numero di queste magnifiche rose fu quella dei Barbier, di Orleans in Francia. Rose come ‘Alberic Barbier‘, ‘Paul Transon‘, ‘Alexandre Girault‘ solo per citarne alcune tra le più famose e diffuse in molti giardini. Nello stesso periodo, un’altro ibridatore “W.A. Manda” di New Jersey, negli Stati Uniti, sempre ibridando la R. wichurana otteneva le splendide ‘May Queen‘, ‘Gardenia‘ e ‘Jersey Beauty‘.

Meno conosciuta è un’altra fonte di introduzione di ibridi di R. wichurana, che aveva sede ad Orleans ed era contemporanea ai Barbier, per un breve periodo di tempo divenne loro concorrente, si trattava di “Meanwhile Fauque et Fils” e le più conosciute delle loro introduzioni furono ‘Gerbe Rose‘, ‘Mme Alice Garnier‘ e nel 1904 ‘La Perle‘, di grandissimo vigore ma ormai divenuta molto rara.

La Perle è molto simile, come portamento, ad ‘Alberic Barbier‘ ma, avendole tutte e due in giardino, posso assicurare che la prima è molto più vigorosa. Le foglie sono più piccole, di verde chiaro lucido, tendenti al rossastro da giovani nell’ibrido di Fauque. L’arbusto è vigoroso e cresce velocemente, all’inizio dell’estate offre un’entusiasmante fioritura con un profumo che ricorda la mela verde e il te al limone. I fiori sono leggermente a coppa color crema con una velatura di limone più accentuata all’inizio della fioritura il cuore è rosa albicocca sfumante nel perla.

La fioritura è unica ma di lunga durata. Uno dei genitori, oltre a R. wichurana, è ‘Mme Hoste‘, una tea con fiori giallo crema. Quest’anno, forse a causa di un clima particolarmente umido e caldo ‘La Perle‘ ha emesso qualche rametto che ha fiorito in novembre. Non era mai successo prima. Devo precisare che anche altre rose, non rifiorenti, come ‘Banksia Lutea‘, ‘Veilkenblau‘ e ‘Laure Davoust‘ hanno mostrato alcuni fiori. E’ una rosa rampicante veramente rustica e resistente alle malattie, ha bisogno di spazio in modo che possa crescere lasciando pendere i suoi festoni fioriti dall’alto.




Lascia un commento

Devi effettuare il Login per scrivere un commento.



Attenzione

Nuova sede per le riunioni

ORATORIO SAN FANCESCO, Contrada Garibaldi, 7

dove siamo