domenica, 17 febbraio 2013

La Rosa di Clap

IMG_2935Girando per il Friuli mi è capitato di imbattermi in rose dimenticate e abbandonate che vivono di una vita propria senza alcuna cura da parte dell’uomo. Questa che vi voglio raccontare è la storia della rosa di Clap. “Clap” in friulano vuol dire sasso e identifica abbastanza bene il luogo. Si trattava di un borgo di quattro case  nel comune di Faedis, in provincia di Udine, sulle colline carsiche, che è stato distrutto dal terremoto del 76.Nelle immediate vicinanze si trova anche Porzus piccolo paese situato poco lontano dal confine Italo-Sloveno, tristemente noto per “l’eccidio di Porzus” dove trovarono la morte 25 partigiani durante l’ultimo conflitto mondiale. Un fatto ancora oggi dibattuto e discusso per le fosche tinte politiche che lo avvolgono.

IMG_2937La rosa non è rifiorente, ha un portamento simile alle Centifolia con getti sottili, lunghi e serpeggianti. Quando l’ho trovata aveva i rami coperti dai resti di un muro e pezzi di travi, forse di una casa o una stalla abbattuta dal terremoto e tutto ormai stava scomparendo sotto  rovi e  acacie che si stavano prendendo possesso del luogo. Da una talea, sono riuscito ad ottenere una pianta che, a distanza di tre anni, mi ha regalato i primi fiori, complessi e profumati. Davvero una rosa per non dimenticare un luogo e fatti che hanno segnato quel territorio. Il recupero di questa rosa non è soltanto merito mio ma anche di Rosetta per la conoscenza del luogo e di Graziella per il primo tentativo di ottenere delle talee.




Lascia un commento

Devi effettuare il Login per scrivere un commento.



Attenzione

Nuova sede per le riunioni

ORATORIO SAN FANCESCO, Contrada Garibaldi, 7

dove siamo