domenica, 13 novembre 2011

Smilax aspera

Smilax asperaIn occasione della brevissima escursione lungo il sentiero Rilke, tra Duino e Sistiana, assieme ad un gruppo di soci di “Amici in Giardino“; la mia attenzione è stata attirata da un intenso profumo diffuso da una pianta strisciante che si arrampicava su rocce ed alberi. A casa dopo una laboriosa ricerca sono riuscito a identificare questa interessante pianta. Si tratta di Smilax aspera appartenente alla famiglia delle smilacaceae ed è conosciuta popolarmente col nome di ‘salsapariglia‘ e anche ‘stracciabraghe‘. E’ una liana sempreverde con fusti legnosi ma elastici, con spine rivolte all’indietro, offensive. I suoi rami possono superare i 4 mt di lunghezza, le foglie sono coriacee, sempreverdi, a forma di cuore allungato e recano spine uncinate molto penetranti, sul bordo. Alla base del picciolo delle foglie si allungano dei viticci simili a quelli della vite e assicurano un’ottima presa.

Smilax aspera i fiori

I grappoli dei suoi piccolissimi fiori diffondono nell’aria un gradevole e penetrante profumo, percepibile distintamente anche a distanza. I fiori raccolti per fotografarli con calma, benchè maltrattati e quasi secchi emanano, a distanza di un giorno, ancora il loro caratteristico profumo. Inizialmente tale fragranza mi aveva indirizzato verso le lonicere, sbagliando completamente.

Smilax aspera i frutti

I frutti sono piccole bacche traslucide, rosse come rubini molto decorative e sembra che siano molto ricercate dagli uccelli. Non è una pianta molto diffusa al nord, in Friuli si trova quasi unicamente nella zona carsica in prossimità del mare. Una curiosità: per chi conosce i Puffi, non è una novità che sono molto ghiotti di ‘Salsapariglia‘.




Lascia un commento

Devi effettuare il Login per scrivere un commento.



Attenzione

Nuova sede per le riunioni

ORATORIO SAN FANCESCO, Contrada Garibaldi, 7

dove siamo