domenica, 22 agosto 2010

Talee in bottiglia

Quante volte ci è capitato di aver bisogno di un contenitore per le nostre talee? Con questo sistema recicliamo le bottiglie di plastica e avremo contenitori sempre a portata di mano. Tolte le etichette, si praticano dei tagli in corrispondenza dei segni fatti in precedenza con un pennarello. Sul fondo vanno eseguiti dei fori per il drenaggio sui vertici delle costole, osservando nei particolari l’immagine.

Eseguiti i tagli di preparazione, è importante che la parte inferiore si inserisca nella parte superiore che farà la funzione di coperchio.

A questo punto bisogna preparare la talea che abbiamo scelto (vedi articolo propagazione della rosa). Naturalmente è importante un substrato ricco di materiale drenante. Questo sistema di talea può essere usato anche per Ortensie, Clematis e per tante altre piante.

Al momento della preparazione della talea va valutata la sua grandezza rispetto all’altezza del terriccio e del contenitore. La gemma più in alto deve sporgere dal terriccio, praticamente i due terzi della talea devono essere coperti.

Dopo aver eseguito la bagnatura del terriccio si inserisce il nostro coperchio badando che le due parti si incastrino una nell’altra. Il vapore acqueo che verrà generato dal terriccio già bagnato impedirà la disidratazione della talea e non si aggiungerà più acqua.

Ultima operazione è la sigillatura del contenitore con nastro di carta su cui scrivere la data e il nome della pianta. Al momento della preparazione della talea si può far uso di ormoni radicanti. Questo tipo di contenitore ci permette di seguire l’evoluzione della nostra futura piantina, finchè è verde va tutto bene. Qualche talea può cominciare ad emettere nuovi germogli già dopo un paio di settimane, qualcun’altra anche dopo un mese. E meglio aspettare che il germoglio sia vigoroso prima di procedere al reimpianto e si sia adattato al clima esterno dopo aver rimosso il coperchio. Per togliere la piantina conviene tagliare il contenitore in modo da non rovinare l’apparato radicale.




1 Commento


Lascia un commento

Devi effettuare il Login per scrivere un commento.



Attenzione

Nuova sede per le riunioni

ORATORIO SAN FANCESCO, Contrada Garibaldi, 7

dove siamo