mercoledì, 12 agosto 2015

Viaggio in Cornovaglia: primavera 2015

C’è modo e modo di organizzare viaggi: quello tra Devon e Cornovaglia con Erica Vaccari è stato sicuramente tra i migliori. Pensato e testato in anticipo nei minimi particolari da Erica, questo andar lento (ma non troppo) tra giardini e paesaggi più belli del Regno Unito, è stato entusiasmante, ricco di sorprese ed emozioni. Imbarcate sul pulmino a nove posti, il nostro gruppo era composto da sole donne, che in parte avevano condiviso altri viaggi con Erica.
Leggi il resto di questo articolo…

mercoledì, 19 marzo 2014

Piccola puntata a Londra

A fine febbraio abbiamo fatto una puntatina a Londra. Lo scopo era di vedere il “Winter Garden” di Cambridge, le cui foto di Pierina mi avevano lasciato la curiosità già alcuni anni fa.

Provvidenzialmente Matteo ci suggerì di anticipare di una settimana la nostra andata per poter vedere la mostra “Snow Drops”, bulbose e piante di prima primavera che ogni anno viene organizzata in centro a Londra dalla Royal Horticultural Society. Non potrò essere mai più grata a Matteo. La mostra merita un viaggio.
Leggi il resto di questo articolo…

sabato, 8 giugno 2013

Il mio cammino di Santiago: racconto a colori

“Viene da chiedersi cosa spinga tutta questa gente, come me, a mettersi in cammino ed abbandonare ogni comodità. Un hospitalero mi ha risposto che è il richiamo del Santo …”
Leggi il resto di questo articolo…

mercoledì, 15 maggio 2013

Visita ai giardini Laziali: Ninfa, Landriana, Torrecchia…

Il Circolo a caccia di bei giardini

Resoconto approssimativo del viaggio a Ninfa scritto a più mani da: Annamaria Mitri, Paola Colucci, Silva e Riccardo.

Avrei gradito qualche mano in più, ma credo che anche così renda l’atmosfera dsordinata e festosa del nostro giro. Abbiamo constatato che conosciamo tante piante, ma alcune in altri ambienti sembrano proprio un’altra cosa.
Leggi il resto di questo articolo…

martedì, 22 gennaio 2013

Santiago: il racconto di un pellegrinaggio giugno-luglio 2012

Partita il 07 giugno 2012 con arrivo a Santiago l’11 luglio 2012

Il “cammino” è ripercorrere un tratto della strada che porta alla tomba di San Giacomo e che, in oltre un millennio, hanno percorso milioni di persone. L’importanza del cammino non è rappresentata dalla meta che si raggiunge, ma nel fare il cammino stesso.

Leggi il resto di questo articolo…

sabato, 28 luglio 2012

Il vivaio Iris en Provence

Alcune foto del vivaio IRIS en Provence

Cliccare sulla prima immagine per ingrandirla e poi cliccare sulle frecce per vedere le altre immagini del vivaio Iris en Provence

Le foto sono di Luigi

sabato, 28 luglio 2012

Il vivaio Pivoines Riviere

Alcune foto del vivaio Pivoines Riviere

Cliccare sulla prima immagine per ingrandirla e poi cliccare sulle frecce per vedere le altre immagini del vivaio Pivoines Riviere

Le foto sono di Luigi

sabato, 28 luglio 2012

Giardini in Provenza: altre foto

Altre foto dei giardini della Provenza: Serre de la Madonne

Cliccare sulla prima immagine per ingrandirla e poi cliccare sulle frecce per vedere le altre immagini dei giardini della Provenza: Serre de la Madonne

Le foto sono di Luigi

sabato, 28 luglio 2012

Visita ad alcuni giardini in Slovenia – parte 3

Ancora foto dei giardini Sloveni

Cliccare sulla prima immagine per ingrandirla e poi cliccare sulle frecce per vedere le altre immagini dei giardini della Slovenia

Le foto sono di Luigi

sabato, 28 luglio 2012

Visita ad alcuni giardini in Slovenia – parte 2

Altre foto dei giardini visti in Slovenia

Cliccare sulla prima immagine per ingrandirla e poi cliccare sulle frecce per vedere le altre immagini dei giardini della Slovenia

Le foto sono di Luigi

sabato, 28 luglio 2012

Visita ad alcuni giardini in Slovenia – parte 1

Vi voglio aggiornare su questa straordinaria esperienza che Stefano e Uros hanno offerto ad alcuni di noi che ci eravamo offerti come cavie per questo straordinario giro di giardini in Slovenia.
Dico subito che i giardini che abbiamo visitato in Slovenia sono stati sorprendenti per interesse, diversità, creatività, lavoro, suggerimenti,collezioni ed umanità.
Abbiamo visto e conosciuto (tramite la costante traduzione e attenzione di Uros) persone straordinarie e indimenticabili. Il pass di Stefano, che fra i giardinieri del luogo è molto conosciuto e apprezzato, ci ha poi permesso una più profonda conoscenza delle piante spesso inusuali che ci sono in questi giardini.
L’impressione primaria è senz’altro la differenza sostanziale dai nostri giardini. Questo principalmente perchè l’uso dei materiali naturali del loro territorio è molto forte,il clima assai diverso,il terreno arido con pochi strati di umus e il resto roccia. Per cui c’è la necessità di un enorme lavoro di preparazione e programmazione. I risultati sono di giardini molto elaborati nella sostanza, ma all’impatto iniziale confusi splendidamente con il loro ambiente naturale da sembrare un prolungamento del contesto naturalistico.In questo c’è una enorme sensibilità e rispetto per il loro territorio.
Ho visto laghetti e fontanelle straordinarie per innovazione e inventiva. Giardini d’ombra che si confondono con il bosco adiacente di una bellezza indimenticabile. Collezioni di oste, emerocalli, sedum oltre che
erbacee perenni e graminacee il tutto inserito magistralmente nel giardino come casuali ospiti.
Il periodo di fioriture ora è grandioso perchè sul nostro ritarda di un mese,per cui rivivere la ormai dimenticata primavera è stato emozionante. Inoltre per coloro che come me amano gli “strafanicci” decorativi in giardino:è stata un’orgia!!! Di oggetti stupendi fatti con le loro mani: animaletti, casette per uccelli, farfalle, strutture in legno e giunco, steccati, tavoli, sedie. In legno, ferro, paglia, rami…
Inoltre molto era acquistabile (siamo tornati carichi come emigranti). In più un vivaio di piante rare e insolite.
In fine devo aggiungere due parole sull’accoglienza straordinaria, la gentilezza, la generosità. Abbiamo mangiato e bevuto, cibi e bevande casalinghe in una irrinunciabile fantasia di offerte.
Il tutto è stato condito dalla fantastica organizzazione di Stefano e Uros che oltre ad aver considerato ogni imprevisto, ci hanno fatto splendidamente da baby sitter.
Grazie ancora dal nostro gruppetto in avanscoperta che spera in un’altra occasione per vedere i giardini mancanti.

Cliccare sulla prima immagine per ingrandirla e poi cliccare sulle frecce per vedere le altre immagini dei giardini della Slovenia

Le foto sono di Luigi

lunedì, 5 marzo 2012

Visita al parco botanico di Rio de Janerio

Il Giardino Botanico di Rio de Janeiro, “uno dei più bei spazi verdi e meglio conservati della città”. Il giardino è stato fondato il 13 giugno 1808 da l’allora principe reggente, D. João VI, con lo scopo principale di acclimatazione delle spezie portate dall’Oriente attraverso il Portogallo, ex-coloniale del Brasile fino al 1822. Affascinato dalla esuberanza della natura, D. João VI ha installato il giardino fingendo di aumentare la produzione di beni di valore. L’11 ottobre dello stesso anno è stata ribattezzata la Royal Garden, ed è stato designato come riserva della biosfera dall’UNESCO nel 1992. Attualmente ha un importante istituto di ricerca, che è responsabile per gli studi scientifici, nonché la conservazione dell’ambiente di 82 ettari di foresta pluviale in città.
Leggi il resto di questo articolo…

sabato, 3 marzo 2012

Foto dal Texas: i “Bluebonnets”

Carissimi,

Le foto che vi mando ora non sono di giardini. I fiori sono le “Bluebonnets“. Bluebonnet e’ il fiore che rappresenta lo stato del Texas. In primavera crescono dappertutto. I campi cambiano colore, le strade hanno bordi blue e i Texas longhorns (le mucche texane) pascolano fra le bluebonnets.
Leggi il resto di questo articolo…

sabato, 3 marzo 2012

Foto dal Texas

Carissimi amici,
Prima di tutto mi devo scusare per il mio italiano, non ho l’opportunita’ di praticarlo molto qui.
Vi ringrazio immensamente per le bellissime fotografie e per le emails.

Io vivo ad El Paso in Texas da quattro anni. El Paso é una citta’ costruita nel deserto in mezzo alle Franklin Mountains; qui piove solamente un mese all’anno, perciò é difficilissimo avere un giardino simile a quelli europei. Molte case qui hanno i giardini “Southwestern Style“: cactus, palme, e sassi invece dell’erba.
Leggi il resto di questo articolo…

venerdì, 3 febbraio 2012

Visita ai giardini della Normandia: 2011

Programma del viaggio

Lunedì 06 giugno 2011

Incontro dei partecipanti e trasferimento all’aeroporto di Venezia. Partenza con volo Easyjet delle ore 09.30. Arrivo a Parigi Orly previsto per le ore 11.15. Partenza immediata per Giverny e visita della dimora dl Claude Monet, rimasta intatta come al tempo del celebre pittore con la cucina gialla e blu, il salotto con incisioni e acquerelli, l’atelier giapponesi e il fantastico giardino dove si sviluppa attorno ad un laghetto con le ninfee. Terminata la visita partenza via autostrada per Honfleur sistemazione in hotel. Cena in ristorante e passeggiata per il pittoresco porticciolo.

Leggi il resto di questo articolo…


Attenzione

Nuova sede per le riunioni

ORATORIO SAN FANCESCO, Contrada Garibaldi, 7

dove siamo